Il ruolo del pensiero critico nell'influenzare l'esplorazione visiva di spot pubblicitari

Dal mio interesse per l'analisi psicologica delle pubblicità, è nato il mio progetto di tesi nel quale mi sono occupata, insieme a una collega e due docenti dell'Università Cattolica, di studiare come le persone percepiscano diverse tipologie di spot. Sono stati presi in considerazione uno spot con forte connotazione emotiva e uno spot più razionale per mettere a confronto le reazioni dei partecipanti alla ricerca rispetto a livello di gradevolezza e propensione all'acquisto. Inoltre grazie all'eye-tracking, strumento che registra i movimenti oculari compiuti sullo schermo di un computer, è stato possibile osservare il numero e la durata delle fissazioni su cluster di nostro interesse (ad esempio volti, interazioni, scritte).


tesi 1.JPG
tesi 2.JPG
9.jpg
8.jpg

Al termine dell'analisi dei dati (questionari, stimolazione tDCS, ET, biofeedback) ho tratto le seguenti conclusioni:

"Sono state analizzate alcune delle variabili che influenzano l’efficacia di uno spot e l’effetto che esso produce sulla popolazione e si può concludere che l’elemento che ricorre più spesso è la prevalenza dello spot intuitivo su quello razionale indipendentemente da variabili quali priming o stimolazioni tDCS: in generale una tipologia di pubblicità che suscita emozioni è più gradita dal pubblico, anche se non sempre le persone prestano attenzione a tutti gli elementi presenti, ma solamente a quelli con una connotazione emotiva maggiore come volti o interazioni. L’attenzione rivolta alla pubblicità è anche influenzata dai priming ricevuti e soprattutto dalla coerenza tra il priming e la tipologia di spot presentato: questo fatto si può tradurre nell’influenza che i tratti personali possono avere nell’indirizzare l’attenzione e il gradimento verso uno spot emotivo oppure uno analitico. Il problema consiste nel trasformare un giudizio positivo verso lo spot in comportamento di acquisto che, come è possibile dedurre dai risultati dalle analisi, non sempre sono correlati. La stimolazione della DLPFC più che influenzare la preferenza dell’uno o dell’altro spot come ci si aspettava, ha avuto un ruolo fondamentale nel mettere in evidenza come l’elaborazione analitica delle informazioni si traduca visibilmente in ampia esplorazione delle immagini e delle informazioni che vengono proposte, rispetto a chi riceve un’inibizione di quest’area i cui effetti sono riscontrabili nell’attenzione verso pochi elementi della scena. In questo studio sono state analizzate alcune interazioni tra le variabili che influenzano le decisioni e le scelte delle persone, ma sono necessari studi più ampi e approfonditi per comprendere maggiormente quale sia il ruolo delle disposizioni personali e se esistano degli elementi manipolabili per migliorare l’efficacia delle pubblicità su un ampio pubblico. In questa ricerca sono stati utilizzati i priming per tentare di modificare alcuni comportamenti e le stimolazioni tDCS per esplorare il ruolo della corteccia prefrontale nell’elaborare le informazioni derivanti da spot pubblicitari, ma fuori da un contesto di laboratorio è difficile proporre metodologie simili, come potrebbe un’agenzia pubblicitaria fornire training o priming a tutto il target cui si vuole rivolgere?"

Featured Posts